Pistacchio

Pistacchio

 

Il pistacchio è un alberello con chioma irregolare che raggiunge 5 – 6 m d’altezza ed è molto longevo: può raggiungere i 300 di vita.

Il pistacchio ben si adatta ai terreni magri e sassosi e richiede poche cure colturali. Nell’antichità cresceva spontaneo in Siria, e in tutta l’area dell’antica Mesopotamia. Plinio nelle sue cronache racconta che fu portato in Italia e in Spagna. La sua coltivazione è ora tipica in molte zone del Mediterraneo.

Il frutto è una drupa con un endocarpo ovale a guscio sottile e duro, contenente il seme, chiamato comunemente “pistacchio” che ha colore verde vivo sotto una buccia viola.

La fioritura avviene nel mese di aprile e la raccolta dei frutti avviene a settembre-ottobre, si dice che abbia un ciclo biennale, in realtà la pianta fruttifica tutti gli anni, ma si hanno degli anni detti “di carica” e altri “di scarica”, a seconda della quantità di produzione, per questo si tolgono completamente i frutti, annullando la produzione negli anni “poveri” per aumentarla in quelli più abbondanti.

Una volta raccolto il pistacchio deve essere fatto asciugare, si procede poi a togliere il mallo che ricopre il guscio legnoso, e infine si fa essiccare per consentire la conservazione per la vendita.
I pistacchi vengono utilizzati sia sgusciati, sia pelati, spesso tostati e salati in pasticceria; per preparare gelati, creme; bevande; per la produzione di salumi, o come condimenti per primi e secondi piatti.

Per la nostra linea abbiamo unito al cioccolato la Granella di Pistacchio Siciliano, unione solo apparentemente “banale”, alla quale abbiamo aggiunto il Fior di Sale di Bali, noto per esaltare ogni sapore: così da arricchire una delle nostre tavolette e rendere quel giusto grado di croccantezza golosa che speriamo potrà deliziare il vostro palato.